Giovedì 28 Marzo, ore 10.00 “Exodus. Le cinque domande: Chi? Che cosa? Quando? Dove? Perché?”


Il progetto Exodus, nelle sue articolazioni (mostra ed incontri), si sforza di rispondere alle cinque domande classiche del giornalismo (Who? What? When? Where? Why?) applicate ad un tema complesso e trasversale come quello dell’esodo, delle migrazioni, della mobilità umana come drammatica necessità più che libera scelta, oppure comunque della tormentata combinazione di spinte ed esigenze diverse.
La maniera più efficace di descrivere il “Chi” sta nelle grandi tele di Safet Zec. Gli sguardi intensi delle figure daranno un senso anche agli elementi fattuali (Che cosa? Quando? Dove?) che cercheremo di divulgare ed approfondire negli incontri con protagonisti, testimoni ed esperti.
Resta la domanda più difficile: Perché? Risponderebbe Bob Dylan: “The answer, my friend, is blowin’ in the wind” (La risposta, amico mio, soffia nel vento). Ma, si sa, “la bellezza del cammino e’ nell’andare”. Unitevi al nostro viaggio nei meandri dell’Esodo.

Saluti
Patrizia De Micheli, Presidente A.M.I.C.I;
Claudio Leone, Presidente AGITE;
Emiliano Monteverde, Assessore alle Politiche Sociali del Municipio Roma I Centro.

Interventi
Giovanni Brauzzi; Fabio Baggio, Sottosegretario della Santa Sede per i Profughi e i Migranti;
Luca Attanasio, giornalista Vatican Insider (La Stampa);
Gianni Bottalico, Coordinatore lotta alla povertà, di Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS);

Giovedì 28 Marzo, presso l’Oratorio di S.Francesco Saverio del Caravita, si è svolto l’incontro dal titolo ““Exodus. Le cinque domande: Chi? Che cosa? Quando? Dove? Perché?”